MAITASHI

25.20

Descrizione

MAITASHI

Composto In capsule Centofiori
50 op. – 350 mg/op. –
Ientinus edodes estratto secco (1:10) 150 mgShitake
grifola frondosa estratto secco (30% polisaccaridi) 200 mg Maitake
EFFETTO FISIOLOGICO: può favorire le naturali difese dell’organismo
Avvertenze: non eccedere la dose raccomandata per l’assunzione giornaliera. Il prodotto va utilizzato nell’ambito di una dieta variata ed equilibrata ed uno stile di vita sano. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni.

MAITAKE – GRIFOLA FRONDOSA

Maitake significa “Fungo Danzante”, non si sa bene se per la sua composizione a ceppo fogliare, quasi mosso a tempo di danza, o come vuole la tradizione cinese, per il fatto che data la sua rarità a quei tempi, il raccoglitore che lo trovava si metteva a danzare per la gioia…
Viene oggi coltivato e prodotto senza particolari problemi, anche perchè si tratta di un fungo altamente edibile, anche se non paragonabile per intensità e distinzione al sapore dello Shii Take.Spicca tra i molteplici componenti della Grifola, alcuni dei quali non ancora completamente identificati, una frazione chiamata D-Fraction, così efficace nel potenziare il sistema immunitario da essere stata inclusa nella Fase II, studio clinico ufficiale, dalla FDA in USA, per il trattamento del cancro alla prostata, alla mammella, per le malattie degenerative in genere, HIV compreso. La frazione D della Grifola un composto polisaccaridico unico nel suo genere, capace di contenere nel contempo due molecole attive, l‘1,3 BetaGlucano e l’1,6 BetaGlucano, con molte più diramazioni e catene laterali. Sembra che queste catene laterali siano capaci di molti e più complessi legami biochimici. Di esso vengono riportate le seguenti proprietà generali:
– Normalizzatore della pressione sanguigna
– Normalizzatore del metabolismo glucidico
– Normalizzatore del metabolismo lipidico
– Immunostimolante generale
Più specificatamente sono riportate le seguenti sperimentazioni scientifiche:
·  Prevenzione e salvaguardia delle T-Cells dall’azione del virus HIV
· Azione risolutiva nel Sarcoma di Kaposi
– Spiccata azione antidiabetica
· Spiccata azione antipertensiva
· Spiccata azione sui trigliceridi sanguigni
Si è inoltre dato particolare importanza all’azione di sostegno, che la frazione D può avere in caso di trattamento tumorale chemioterapico e radiante, evitando gran parte degli effetti collaterali normalmente connessi a queste forme di terapia, riducendo sia l’entità del dolore, che la perdita di capelli, l’insorgere di nausea, disturbi digestivi, ecc.

INDICAZIONI
Nei casi di immunodeficienza si è avuto un aumento sia dei linfociti che della loro attività. Infezioni virali. Ipercolesterolemia.

SHITAKE – LENTINUS EDODES

Lo shitake è conosciuto con il nome di ”lentinula edodes”, reperibile nei paesi asiatici (Cina, Corea, Giappone). Gli effetti e l’utilizzo dei funghi shitake sono stati descritti per la prima volta durante il periodo della dinastia dei Ming (1364/1644). Recentemente, ricercatori giapponesi e americani, sono riusciti a mettere in evidenza, attraverso ricerche e sperimentazioni, l’azione antivirale, antitumorale, ipocolesterolemizzante e ipoglicemica. I funghi shitake contengono tutti gli aminoacidi essenziali, alcuni allo stato libero, altri sotto forma di proteine. E’ un alimento ricco di glucidi e polisaccaridi; minerali importanti come il potassio, sodio, fosforo, silice, magnesio, alluminio, calcio, zolfo e ferro; importanti vitamine del gruppo B, come la tiamina, riboflavina e la niacina.
Gli shitake hanno una notevole azione antivirale agendo mediante un particolare polisaccaride sulla moltiplicazione dei mixovirus. Sul colesterolo si sono ottenuti ottimi risultati somministrando gli shitake. La diminuzione del colesterolo sembra legata a un particolare principio attivo l’ “eritadenina”, sostanza che ha il potere di ridurne il tasso. Un esperimento è stato effettuato su persone di età avanzata, somministrando gli shitake, il tasso del colesterolo è rimasto stabile i primi due o tre giorni diminuendo addirittura del 9% nella prima settimana. Si sa che il burro, per il suo alto contenuto di grassi, fa aumentare molto il tasso di colesterolo, ma consumando gli shitake contemporaneamente, si è evidenziato che gli effetti del burro vengono pressoché annullati.
Il prodotto è caratterizzato dalle proprietà immunostimolanti, ipocolesterolemizzante
Nei casi di immunodeficienza si è avuto un aumento sia dei linfociti che della loro attività. Infezioni virali.

INDICAZIONI
Nei casi di immunodeficienza si è avuto un aumento sia dei linfociti che della loro attività. Infezioni virali. Ipercolesterolemia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “MAITASHI”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *