ISSOPO OROVITA

16.00

Compara

Descrizione

OROVITA ISSOPO

ESPETTORANTE

FAMIGLIA : Labiate

COMPOSIZIONE: Acqua 90%, Issopo (Hyssopus officinalis L.) 10%

COMPONENTI PRINCIPALI: olio etereo contenente composti terpenici, sostanze amare,

marrubina, tannino, colina, diosmina,

OLIGOELEMENTI: in fase di analisi

PROPRIETA': balsamico, espettorante, sudorifera, antitosse, antiasmatiche, diaforetiche.

INDICAZIONI: tosse, bronchiti, catarro, tracheiti, influenza, asma.

MENTALE:

EMOZIONALE:

SEGNO ZODIACALE : Gemelli

SIMBOLOGIA PLANETARIA: Mercurio - Giove

CLASSIFICAZIONE ENERGETICA :

ELEMENTO :

MODO D'USO: da 21 a 33 gocce 4 volte al giorno, consiglio ore 8, 12, 16 e 20. Per un'azione più

profonda (di tipo energetico) la dose è da 12 gocce a 3 gocce 1 o più volte al dì per via

sublinguale.

ASSOCIAZIONI PIU' FREQUENTI: SEPTEMTOSS tosse; Rugiada MIRRA mal di gola; Rugiada

ELICRISO riniti sinusiti; SEPTEMFEBRUM febbre; Orovita ECHINACEA

immunostimolante; Rugiada TIMO antisettico; Trittico vegetale ROVO IDEO terapia di terreno

ETIMOLOGIA - La parola issopo si può far risalire sia alla lingua greca hyssopos, che significa

aspetto a freccia, sia alla lingua israelita esob, che significa origano, anche se vi è il dubbio che

l'issopo officinalis sia lo stesso dell'issopo descritto nell'Antico Testamento.

Tradizionalmente la pianta d'issopo era usata in rametti riuniti come aspersorio.

Nel Nuovo Testamento, (Giovanni 19,29) si dice che una spugna impregnata di aceto fu fissata su

una canna di issopo e offerta da bere a Gesù in croce, come atto di pietà. Dato che la canna di

issopo utile, non può essere più lunga di 30 cm, più altri 30 cm di lunghezza del braccio, ciò

indicherebbe che la traversa della croce non era così alta quanto a volte viene ritratta ma che la

testa di Gesù si trovava a circa 2,20 metri da terra.

L'ISSOPO

Nell’etimologia il termine Issopo viene riportato dal latino hyssopu(m), la copiatura dal greco

hyssopos, di origine ebrea o meglio siriaca. Anticamente veniva usata nei rituali di purificazione

di grave entità: si bruciava l’Issopo per preparare l’acqua lustrale, poi con il legno di cedro e

ciuffi d’Issopo si preparava aspersorio per le liturgie.

Il modesto fiore dell’issopo con le sue tante proprietà magico - curative simboleggia umiltà, in

opposizione al legno pregiato e profumato del cedro, simboleggiante la superbia e la ricchezza.

Preghiera di Davide penitente “Purificami con Issopo e sarò mondato; lavami e sarò più bianco

della neve”. Salmi 50,9; sempre nell’antico testamento troviamo (Levitico, 14.1):

"Il Signore disse a Mose: Questa è la legge da applicare per il lebbroso per il giorno della sua

purificazione. Egli sarà condotto dal sacerdote uscirà dall’accampamento e lo esaminerà; se

riscontrerà che la piaga della lebbra è guarita nel lebbroso, ordinerà che si prendano, per la

persona da purificare, due uccelli vivi, mondi, legno di cedro, panno scarlatto e Issopo".

Le donne ebree utilizzavano l’Issopo per purificarsi da tutte le ascendenze avverse, e nella

speranza di trovare un vero amore si detergevano con l’acqua arricchita con infiorescenze di

Issopo, inoltre preparavano un talismano: un sacchetto per l'amore e per il matrimonio, fatto

mettendo in un quadratino di stoffa azzurra la buccia seccata di un arancio, chiodi di garofano,

fiori d'arancio, issopo.

Gli antichi Romani usavano questa pianta per proteggersi dalle contaminazioni dei morbi, inoltre

era usato per depurare Chiese e le case degli afflitti, anche nei lebbrosari si appendevano ciuffi

d’Issopo e si aspergeva l’acqua lustrale per la guarigione degli ammalati.

Questa usanza molto antica fu poi utilizzata anche nel Medio Evo, questa erba si spargeva sul

pavimento assieme al rosmarino e al timo per tenere lontano le malattie contagiose, davanti alle

porta di casa e alle finestre si agganciavano piccoli bouquet di queste erbe, per tenere a bada i

mali insidiosi.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “ISSOPO OROVITA”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Avvertenza sulle foto dei prodotti

Le foto dei prodotti potrebbero non essere corrispondenti al prodotto descritto. Si prega di leggere bene la descrizione prima di comprare il prodotto

NOTA: Gli imballi che riceverete sono di RI-USO, cioè riutilizziamo imballi delle ditte che ci spediscono i prodotti, per evitare di fare rifiuti

Nota bene

Le piante, i loro estratti e più in generale i prodotti erboristici e gli integratori alimentari non sono medicinali ne prodotti curativi e pertanto ad essi non vengono riconosciute dalla legge proprietà terapeutiche o capacità di cura delle malattie umane. Per tale ragione tutte le notizie e le informazioni qui riportate, in particolare quelle riguardanti dosaggi, posologie, descrizioni e relative proprietà attribuiti ai prodotti, non sono consigli medici ma bensì hanno unicamente finalità divulgativa e informativa di tipo culturale, botanico, storico o salutistico e sono riferite alla bibliografia qui riportata. Tali informazioni non necessariamente traggono origine da dati scientifici clinicamente dimostrati, ma posso provenire anche solamente dall’uso erboristico tradizionale o da ricerche empiriche non confermate scientificamente, senza un’adeguata verifica della corrispondenza tra gli studi su singole piante o ingredienti e le reali attività degli stessi sull’uomo. Per questi motivi le informazioni qui riportate non possono sostituire in nessun caso il parere del medico o di altri operatori sanitari legalmente abilitati alla professione, non devono essere utilizzate per assumere decisioni riguardanti la propria salute, eventuali terapie mediche o assunzione di medicinali. Gli integratori non sostituiscono in nessun caso una dieta equilibrata ed uno stile di vita sano e controllato. In caso di sensibilità o allergie a specifici ingredienti è indispensabile richiederci previamente all’acquisto, tramite e-mail, conferma degli ingredienti o dell’INCI riportato sul sito per sincerarsi che non vi siano state modifiche successive, non ancora aggiornate. In caso di disturbi, patologie o allergie consultate sempre prima il vostro medico curante.

WhatsApp chat